Il Samaritano...e i poveri

                                            Organizzazione di Volontariato

 

                                                    Chi sono i poveri

 

Nella   Lettera   Pastorale   2007-2008  Benedetti  Benediciamo  l’Arcivescovo di Siracusa  Mons. Giuseppe Costanzo ci aiuta a comprendere chi sono i poveri:

 "Cristo nel povero” - “Sono tanti, i poveri. Troppi. La loro povertà ha volti e nomi diversi:

da quella materiale a quella spirituale. Dalla mancanza di pane, vestito, casa, lavoro, salute, alla mancanza di amore, di certezze, di senso, di ideali e di valori. 

Alcuni li incontriamo facilmente ovunque, altri – forse quelli più bisognosi – non li conosciamo neppure: hanno troppo pudore per lasciarsi riconoscere, si vergognano a dichiarare la loro indigenza e a chiedere aiuto. 

C’è poi una terza tipologia di poveri: quelli relegati nella loro solitudine a motivo dell’età, della malattia, della necessaria dipendenza da altri. Sono quelli che possono dire col Salmista:

 “Sono colpito tutto il giorno e la mia pena si rinnova ogni mattina” (Sal. 73,14)…(omissis)… 

 Fratelli e Sorelle, il povero, con le sue necessità, ci interpella e, anche tacitamente, chiede il nostro impegno. 

“Dinanzi alle terribili sfide della povertà di tanta parte dell’umanità, l’indifferenza e la chiusura nel proprio egoismo si pongono in un contrasto intollerante con lo “sguardo di Cristo”. 

Chiediamo al Signore la compassione del Samaritano. Egli è capace di amare come Dio ama, è mosso dalla stessa tenerezza di Gesù e si fa prossimo del moribondo, senza neppure chiedersi se è un amico o un nemico, un connazionale o uno straniero. Sa che ha bisogno di lui, accoglie il suo silenzioso appello e… si prende cura di lui

È il miracolo dell’amore, che può cambiare la società, che può umanizzare il mondo, che può purificarlo radicalmente, “perché la Carità copre una moltitudine di peccati” (1 Pt. 4,8).”